Pagina:Corano.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


(i:t. Dicemmo agli angeli : Prostratevi dinanzi ad Adamo. Ed essi si nro streremo tutti, fuori che Eblis. Mi prostrerò, disse, innanzi a colui che tu'ctpÌ dal fango? Cl Gi. Che te ne paro? Se mi dai tempo fino al giorno della resurrezione, «ster¬ minerò , tranne pochi, la posterità di colui che tu hai inalzato al disonni di ino. 1 “ 63. Allontanati. Tu , egli uomini che ti seguiranno, avrete tutti l'inferno per ricompensa ; ampia ricompensa ! 66. Attira colla tua voce coloro che ti riescirà; precipitati sovr'cssi coi tuoi soldati a piedi, e a cavallo (I) ; associati alle loro ricchezze, ai loro figli, e fa loro delle promesse. ( Satana non fa promesse clip per acciecar gli uo¬ mini). <>7. Ma tu non avrai alcun potere su i miei servi. Basterà loro d'avere Dio per protettore. r 68. È il vostro Signore che fa scorrere per voi le navi su i mari. afflnohè cerchiate i doni della sua generosità. Egli 6 misericordioso per voi. 09. Quando una disgrazia vi prenda in mare, quei che invocatevi abhando- nano. Dio solo vi resta. Ma tostochù vi ha salvali, e posti sulla terra l’erma vi allontanate da lui. In verità , l’uomo è ingrato. 70. Siete voi sicuri che non vi farà ingojare da qualche parte della terra che saprirà sotto i vostri piedi, o che non manderà contro di voi un turbine che vi seppellirà sotto l’arena senza/he possiate trovare allora un protettore? 71 Siete voi sicuri che non vi ricondurrà un'altra volta in mare , e che non vi manderà un vento violento, che non vi sommergerà in premio (Iella vostra incredulità? Allora non troverete un protettore. 72. Accordammo onori ai figli d'Adamo. Li portammo sulla terra, e sopra i mari ; demmo loro per cibarsi alimenti deliziosi, ed una grande superiorità so¬ pra tanti esseri da noi creati. 73. Un giorno faremo venire i popoli preceduti dai loro capi. Si darà a cia¬ scun uomo il suo libro (2) nella mano dritta ; ognuno lo leggerà. e niuno sarà leso d'mi sol capello. 71. Chi è cieco in questo mondo lo sarà egualmente nell'altro, e si troverà nel sentiero del più fatale smarrimento. 75. Per poco gl'infedeli non ti hanno allontanato colle lor tentazioni da ciò che ti abbiamo rivelato, e non t’hanno indotto ad attribuirci altre rivelazioni. Allora ti avrebbero considerato come loro amico. 76. Se non ti avessimo consolidato nella nostra fede, (avresti ceduto) poi¬ ché inclinavi già un poco verso di loro. 77. Allora ti avremmo l'atto soll'rire le disgrazie della vita, c quelle della morte, e non avresti trovato ajuto contro di noi. 78. Poco è mancato che gl'infedeli non t'abbiano fatto abbandonare questo paese, per scacciarti. Oh ! allora essi non vi sarebbero rimasti gran tempo dopo la tua partenza. 79. Questa è la strada che bau seguitai nostri apostoli mandati prima di te. I u non troverai cambiamento nelle nostre strade fa). 80. Fa la preghiera da quando il sole tramonta fino al principio delle tene- sulmani credono aver avuto luogo recentemente. L’albero maledetto è il zakum. Ved. cap. 50. ili Esj!!'essione proverbiale per dire : Con tutto le tue forze militari. (2; Il libro dove sono notale, e richiamate tutte le sue azioni. (5) La parola sonnet, sonno, che traduciamo qui per strada, vuol dire anche fra- ilizionc costante, comune.