Pagina:Cordelia - Dopo le nozze, Milano, Treves, 1882.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IL MATRIMONIO DEL RICCO


Se il ricco avesse la semplicità e il buon senso del povero, se avesse dovuto come il povero condurre una vita fra le lotte e i sacrifizii, allora soltanto potrebbe apprezzare il giusto valore delle sue ricchezze, e lungi dalle lotte della necessità giornaliera, senza preoccupazioni per l’avvenire, potrebbe condurre una vita veramente felice. Ma i pensieri del ricco sono artificiosi come la vita che conduce, come l’ambiente in cui vive, e l’educazione che riceve. I moti del cuore sono resi muti dal calcolo