Pagina:Cordelia - Le Donne Che Lavorano.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la donna nella pittura e nella scultura 151


trovata ingenua, timida, è naturale; è così di tutto quello che è giovane; non si può chiedere all’infanzia la sicurezza, il giudizio, l’abilità d’esecuzione che solo possono dare il lungo studio, la pratica e l’esperienza.

La donna appena entrata nel campo dell’arte non può essere subito maestra, quasi fosse uscita come Minerva armata dal cervello di Giove.

Se nei tempi in cui la donna era tenuta lontana dalle lotte della vita, la Vigée Lcbrun, la Rosalba Carriera, Elisabetta Sirani, Caterina Vigri, Irene da Spilimbergo, le sorelle Auguissola, Marietta Roberti e molte altre ebbero un bel posto accanto ai pittori del loro tempo, possiamo trar da ciò buoni auspici per l’avvenire.

Nelle esposizioni, specialmente all’estero dove la donna è entrata nel campo dell’arte prima che da noi, c’è sempre qualche quadro femminile degno d’essere ammirato. Poi