Pagina:Cordelia - Le Donne Che Lavorano.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la donna nella pittura e nella scultura 163


le mani esperte e delicate che seppero eseguire in ogni tempo nell’arte del ricamo e dei merletti delle cose pregiate e meravigliose, potranno in tutte le arti che hanno, per base il disegno dare una nota personale di gusto e d’eleganza.

Nel disegno industriale, negli smalti, nell’oreficeria, nella rilegatura dei libri le donne hanno già incominciato a far buona prova e da quello che si vede ora c’è da sperare molto nell’avvenire.

Basta che quelle che non hanno tutti i requisiti per riuscire nella grande arte, rinuncino coraggiosamente alle aspirazioni di gloria e si dedichino con amore e con gusto alle arti industriali, dove ci vogliono pure molte qualità per riuscir bene; faranno almeno cosa utile e potranno ricavare un guadagno che invano avrebbero potuto chiedere alla pittura o alla scultura.