Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/283

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo settimo 263


Finalmente l’Ammiraglio arrivò alla piccola isola Beata, donde per la via di terra, fece avvertire il governatore del suo giungere; indi, continuando la navigazione, si ancorò il 13 agosto nel porto di San Domingo.

ll governatore con gran corteo, accompagnato da tutti i magistrati e dai notevoli abitatori, trasse a incontrare Cristoforo Colombo. Fu accolto con indubbie dimostrazioni di rispetto. Le genti di mare onoravano in lui il navigatore incomparabile; i Francescani, il messaggero della salute, precursore della loro futura predicazione: il popolo salutava in lui la maestà della sciagura; il suo infortunio gli riguadagnava tutti gli animi. Ovando albergo l’Ammiraglio nel palazzo del governo, e gli diede banchetti e feste.

Nonostante l’apparenza di queste buone relazioni, l’Ammiraglio, che vedeva sempre il fondo delle cose, sapeva ridurre al loro giusto valore le dimostrazioni di Ovando. E dal canto suo, il governatore non poteva credere che l’Ammiraglio non cercasse di accaparrarsi gli animi nell’isola, speranzoso di esservi in breve rimesso nel possedimento de’ suoi diritti; perocchè Ovando era stato nominato per due soli anni.

In breve l’Ovando volle mostrare a Colombo ch’egli era realmente il governatore della Spagnuola: sollevò una quistione di competenza, e pretese istituir egli il processo a Porras, per la ragione che la costui ribellione er’avvenuta nel territorio della sua giurisdizione: esigette che il prigioniero gli fosse consegnato; e, dopo il primo esame, lo fece porre in libertà, senza far altro, nè scrivere .la menoma cosa1. Andò anche più in là; parlò di far carcerare e porre in giudizio quelli che avevano preso le armi

    prova della sua sincerità. Egli aveva scritto per il Santo Padre tutti i suoi viaggi, alla maniera dei commentari di Cesare, cioè in terza persona. In questo stesso momento egli completava il suo lavoro colla storia della sua quarta spedizione; e la forza dell’abitudine avrà sorpreso una fiata alla sua penna, scrivendo ai Re, questa forma di stile, che non era destinata per esse.

  1. Cristoforo Colombo. — Lettera a suo figlio don Diego, datata da Siviglia il 21 novembre 1504. — Cartas del Almirante.