Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/284

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 libro quarto

per difendere l’Ammiraglio1: e diceva far tutto questo nel solo interesse della buona giustizia, e pel mantenimento dei diritti del governo, contra i quali non potevano prevalere i diritti dell’ammiragliato. Deciso Colombo a sostenere pazientemente ogni iniquità, anzichè cagionare la menoma controversia nella colonia, si ristrinse a rappresentargli come sarebbe illusoria l’autorità di un ammiraglio, se non potesse punire sulla sua propria nave una ribellione: indi sorrise2, colla calma della rassegnazione cristiana da cui era compenetrato.

l miserabili partigiani di Porras, che non avevano già. disertato arrivando, chiedevano di ritornare in Ispagna. Sprovveduti di ogni cosa, perfin di vesti, dimandavano caldamente di salire su qualche nave: l’Ammiraglio avrebbe potuto lasciarli alla guardia del governatore, ed egli imbarcarsi colle sue genti e co’ suoi ufficiali sulla caravella, con tanto maggior ragione, perchè una sola nave non poteva capire tutta quella gente. Ma, considerando tutto quanto essi avevano sofferto in quella esplorazione delle coste della terra-ferma, sentì pietà dei loro delitti, di ciò che egli chiamava la «loro infermità. morale;» e credette che «sarebbe stato un caso di coscienza lasciarli in abbandono.3» Pose a loro disposizione la nave che si racconciava, e a sue spese comprò una caravella, nella quale sarebbe salito colla sua famiglia, la sua casa ed i suoi amici.

Affine di supplire a quell’accrescimento di spesa, dovette farsi rendere conto del danaro che si era per lui riscosso durante la sua assenza. Secondo il calcolo approssimativo fatto da’ suoi amici, la somma montava a circa undicimila castigliani, e nondimeno non gliene erano offerti che quattro mila; il perchè ebbe intorno a ciò col governatore una contesa violenta. Questi, nella discussione, gli tese accorte insidie; ma la sagacità di Colombo

  1. Fernando Colombo, Vita dell’Ammiraglio, cap. cvii.
  2. “Egli dissimulava tutto ciò, e non faceva altro che riderne” — Herrera, Storia generale delle Indie occidentali. Decade 1, lib. VI, cap. ii.
  3. “Porque fuera gran cargo de conciencia ai los dejar y desampararlo” — Lettera dell’Ammiraglio a suo figlio don Diego datata da Siviglia ildicembre 1505.