Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/323

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo ottavo 303

destia, portava in sè il sentimento della grandezza dell’opera sua, e perciò de’ suoi servigi così ostinatamente disconosciuti.

Secondo una certa scuola, la maggior parte dei biografi ripetono ciecamente che l’Ammiraglio morì inconsapevole dell’importanza delle sue scoperte, e che scambiò sino alla fine il Nuovo Continente per la costa asiatica.

Non se l’abbia a male il signor Humboldt, questo è un madornalissimo errore. Bisogna ricordarsi che Colombo diede il nome d’Indie alle terre scoperte, affine di interessare ad esse la Corte, perchè le Indie erano allora tenute in conto della regione più ricca in perle, oro, diamanti e spezierie: Fernando Colombo lo dice positivamente1. Altri contemporanei, il Torquemada, l’Herrera, hanno egualmente assicurato ch’egli non diede quel nome alle sue scoperte se non per tal motivo2. Si deve altresì aggiungere che l’Ammiraglio, fin dal suo terzo viaggio, indicava una terra di cui non si era mai udito parlare. Rispetto a Cuba, siccome nessuno ne aveva fatto il giro, ed anche più anni dopo la morte dell’Ammiraglio, quell’isola fu creduta un continente; anch’egli aveva potuto pensar a quel modo, e figurarsi fosse il prolungamento della costa d’Asia, la qual si avanzava verso l’est fin nel mare delle Antille3. Ma questo non pregiudica punto all’esattezza della sua nozione sull’esistenza del Nuovo Continente. Dopo la sua terza spedizione, egli seppe non solamente che la terraferma era un Continente, ma altresì che l’Oceano ne faceva il giro.

  1. Fernando Colombo, Vita dell’Ammiraglio, cap. vi.
  2. “Otros dicen que no tuvo Colon mas causa para llamarlas Indias, sino aver querido poner mas codicia á los principes con quien trataba, y autorizar mas su navegacion con este nombre, por el oro, plata, perlas y otras cosas...” — Juan de Torquemada|Juan de Torquemada, la Monarquia indiana, libro primero, cap. vii.
  3. Nel 1508, due anni dopo la morte dell‘Ammiraglio, il re. Ferdinando diede l’ordine di esplorare tutte le coste di Cuba, onde si venisse finalmente a sapere se essa fosse un’isola ovvero un continente: Sebastiano da Ocampo, a quest’uopo ricevette una commissione. — Herrera, Storia generale delle Indie occidentali. Decade 1, lib. VII, cap. i.