Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/477

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

457

cercle restreint; la vótre est destinée à résonner par tout où il y a des esprits avides de vérité, des imaginations impressionables à l’attrait de la grandeur morale, des âmes chez qui la Religion s’allie à la poésie, et qui aiment les Grands Hommes

    talie sur le mème sujet, par l’illustre pére Ventura de Raulica, un des protecteurs les plus dévoués de la renommée de Colomb.”
    Il manifesto di cui è accennato in queste righe, siccome quello che rende meritata giustizia al generoso lavoro di Roselly, ed alla santa memoria di Colombo, non è fuor di posto in questo luogo: eccolo.
    “Dio destina il secolo decimonono ad essere illustre per molli titoli. Il primo suo quarto fu splendido per le rivendicazioni cattoliche coraggiosamente affrontate e luminosamente conseguite da Chateaubriand, da de-Maistre, da Bonald, mercè cui poesia, filosofia, giurisprudenza, riavutesi dalle tocche contaminazioni, tornarono pure e onorande: ned il secondo quarto di secolo (dal qual uscimmo testè) trascorse manco glorioso, mercé le riabilitazioni storiche costituenti il suo carattere speciale. Empietà e ghibellinismo avevano incollata in viso alla Musa della Storia un’abbominevole maschera; il suo stilo era stato intinto nel liete, e la sua mano, per subita violenza, avea vergato note calunniose: piacque alla Provvidenza che la rintegrazione irrecusabile venisse di là d’onde aveano traboccato le fonti dell’errore: l’Alemagna protestante fornì per prima i ristoratori della critica storica, gli sperditori delle crasse tenebre, state malignamente diffuse intorno i salutari svolgimenti del Cattolicismo, e i grandi uomini che ne furono gli operatori; e così l’Europa ebbe a meravigliare, che in pastori luterani, in professori zuingliani, in ministri anglicani avessero i più grandi Santi, i maggiori Papi, i più vitali dommi di nostra Santa religione a rinvenire biografi eruditissimi, difensori eccellenti: i nomi di Hurter, di Voigt, di Hook, di Leo, di Hulman, di Leander, di Ranke, di Newman, di Manning, spiccatisi dai centri dell’errore, brillan omai scritti ne’ vestiboli, o nei penetrali medesimi del sublime tempio dell’eterna verità.
    Alteramente rialzata nel primo quarto del nostro secolo, dal fango in cui l’avevano gettata, la bandiera cattolica, e tosto (nel successivo quarto) creata intorno ad essa una forte imprendibile trincea, la missione attuale de’ leali Cattolici consiste a condecorare il sagro redento vessillo di serti e fregi imperituri: lettere ed arti sieno evocate adornatrici dello sperato, del cominciato trionfo: pittura, e scultura, purificate in lor aspirazioni, esprimeranno, meglio che le voluttuose sensazioni, le sant’emozioni: la poesia, ripudiati le amalgamo impure, di cui potenti ingegni d’Oltralpe