Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 libro terzo

riconoscerlo e di obbedirgli. Immediatamente il nuovo governatore prestò il giuramento d’uso, e ordinò a don Diego Colombo e al luogotenente del giudice Rodrigo Perez, in virtù dell’obbedienza che a lui dovevano portare, di consegnargli i prigionieri. Essi gli risposero che in nome dei Re, obbedirebbero sempre a’ suoi ordini, ma che l’Ammiraglio essendo assente, non potevano far cosa senza le istruzioni di quello che dal suo titolo di Vice-re trovavasi investito di poteri perpetui, e superiori.

Siccome la maggior parte degli astanti, e sopratutto gl’impiegati pareva fossero di quel medesimo avviso, e non volessero credere senza riserva ai titoli che aveva pubblicato il commendatore, Bobadilla fece far silenzio e leggere da Gomez di Ribera l’ordine dei Re, firmato il dì medesimo, il quale prescriveva all’Ammiraglio ed a’ suoi fratelli, del paro che ad ogni persona soggetta alla loro autorità, di consegnare in sue mani castelli, magazzini, arsenali, munizioni da guerra, cavalli, armi, greggi, tutto ciò che apparteneva alla Corona. Quest’ordine così imperioso parve cominciasse a piegare la convinzione degli astanti. Affine di attirarsi presto la benevolenza del popolo, Bobadilla disse che aveva un’altra pubblicazione da fare.

La turba ascoltava con vivissima curiosità.

Allora il notaro reale lesse l’ordine dato dalle loro Altezze al commendatore in data del 30 precedente maggio, di verificare i conti, e far pagare dall’Ammiraglio ciò che doveva personalmente. Siccome la maggior parte degli astanti trovavansi creditori, questa nuova suscitò viva soddisfazione e conciliò gli animi all’inviato dei Re. Facendo capitale del sostegno della moltitudine, il commendatore intimò di nuovo a don Diego Colombo e al luogotenente Rodrigo Perez di consegnargli i prigionieri, coi documenti del loro rispettivo processo, dichiarando che se non gli eran dati colle buone, saprebbe averli nelle mani colla forza.

Diego Colombo rispose quanto aveva già detto.

Scortato dai suoi e accompagnato dalla moltitudine, Bobadilla andò con aria marziale verso la fortezza. Essa era difesa