Pagina:Cronica de matematici.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

121

falsa suppositione di coloro, che vogliono, che il Sole stia fermo, come centro, e la Terra gli si muova in giro. Scrisse anco il Copernico alcuni commentarii sopra la sfera. Una gran parte delle sue osservationi fece vicino alla foce della Vistula in Fravemburgo. Dedicò egli la sua grand’Opera delle Revolutioni à Pavolo Terzo.

[1548]NICOLÒ Sosiano da Corfù elegantissimo Letterato attese alle cose Matematiche, e di Cosmografia. Scrisse questi un bel libretto in lingua Greca dell’Astrolabio anulare, e publicò la descrittione della Grecia, nella qual Tavola superò non solamente Tolomeo, ma quanti altri havevano scritto avanti à lui; Onde Abramo Ortelio nella descrittione della Grecia antica, non ha voluto altro essempio, che il suo. Un Nicolò G. huomo dannato da Santa Chiesa, fecevi sopra Commentarii, i quali sarebbono degni d’esser letti, se non gli profanasse l’empietà dell’autore.

[1548]GIROLAMO Fracastoro nobilissimo Gentilhuomo Veronese Filosofo, e Medico eccellentissimo, diede opera con pari felicità agli studii delle Matematiche, onde sforzossi di mantenere quel fondamento amato da Eudosso, Aristotele, Calippo, Avverroe, Alpetragio, & altri per salvar le apparenze, e le varietà de Moti ce-


Q lesti