Pagina:Cronica de matematici.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128

ma, non hebbe altro Maestro, che se medesimo. Scrisse molti trattatelli curiosissimi, che gli recarono molta lode. Scrisse dunque un’opuscolo del Ponte, che Cesare fece sul Reno, & un’altro dell’Arca di Noè, nel quale mostrò la forma dell’edificio, divise le celle, e gl’animali, e preparò i luoghi per gli cibi, e per gl’huomini, che v’entrorono. Scrisse contro Orontio, di cui fù grande, e perpetuo impugnatore ne i libri della quadratura del Circolo. Dichiarò un’ luogo Geometrico di Quintiliano appartenente alla capacità delle figure isoperimetre. Affaticossi per trovare la duplatione del cubo per via degl’elementi d’Euclide, e trovò una certa approssimatione, & ivi redarguì una falsità dello Stifelio intorno al detto Problema. Scrisse un trattatello della Misura dell’acqua, che scorre, appartenente alla divisione dell’acque de publici aquedotti. Fece un discorsetto intorno à una Machina d’Agricoltura di Columella, chiamata Cicogna. Scrisse della stadiera, mostrando come con picciolo instrumento possono pesarsi gravissimi pesi. Scrisse della ragione de Marchi delle bilancie, & un trattatello del prezzo delle perle. Fece un libro della divisione dell’Isole, che si fanno ne i fiumi, e redarguì la Tiberiade di Bartolo; Tutte le dette fati-


che