Pagina:Cronica de matematici.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144

mandino illustrati, Un trattatello dell’Aritmetica pratica, otto libri di Gnomonica, l’opere de gli sferici di Teodosio, Un libro della dottrina de Sini, Uno delle linee, che si toccano, uno di quelle, che si segano, uno de Triangoli Rettilinei, e Sferici, uno delle Dimensioni delle grandezze. Hebbe differenza con Giacobo Peletario intorno all’angolo delle contingenze de circoli nella sfera. Affaticossi grandemente Cristoforo per ordine di Gregorio Terzodecimo nella correttione del Calendario, & ultimamente publicò un gran volume in detta materia contro un Michele Mestlino da Geppinga Matematico, e Lettore nello studio di Tubinga huomo heretico, e nemico dell’ordinationi Pontificie. Prometteva il Clavio dopo quest’Astrologia di publicare un libro dell’Astrolabio demostrato, un trattato di misurar tutte le grandezze, & alcune altre cose, fra le quali è il libro de gl’Elementi, la seconda volta emendato, & accresciuto.

[1596]ALUIGI Lilio Umbraticense scrisse un trattato intorno all’emendatione del Calendario, nel quale tolto via l’Aureo numero accommodava in quel luogo le tavole dell’Epatte per trovare i giorni delle lunationi. L’opera di costui fù dal fratel-


lo