Pagina:Cronica de matematici.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

69

servò, e scrisse assai intorno alla materia de moti celesti. Osservò cento, e trenta anni doppo Albategnio. Scrisse del moto dell'accesso, e del recesso. Compose le Teoriche dell'ottavo cielo per salvar i moti delle Stelle fisse.

[1010]ALMANSORE Spagnuolo di natione, e Saraceno, ò Arabo di Setta, attese all'Astrologia giudiciaria. Scrisse gl'Aforismi Astronomici, e diviseli in sentenze. Compose cento cinquanta giuditii, ò propositioni sopra le Stelle, e donò il detto libro al Re de Saraceni. Fù questi Padre di due figli eccellenti nelle dette professioni, l'uno chiamato Almeone, e l'altro Giovanni.

[1020]FEBERTO di Conturbia Monaco dell'ordine di S. Benedetto fù gran letterato de suoi tempi, e diede grand'opera alla musica, e scrissene un'utile volume.

[1024]ALI’ Aben Rodano di natione Egittio Medico, & Astrologo eccellente. Scrisse commentarii sopra l'arte picciola di Galeno, & alcuni Scolii sopra il Quadripartito di Tolomeo. Scrisse due altre operette, l'una della projettione de raggi, e l'altra di trè natività, fra le quali vi è anco la sua.

[1030]GUIDO Aretino Monaco dell'ordine di S. Benedetto, & Abbate del Monaste-


rio