Pagina:Cumano - Considerazioni tecnico-economiche sulla ferrovia complementare da Treviso a Belluno per Feltre.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

21


metri, avremo che la spesa totale della linea da Treviso a Belluno sarà di L. 8,997,200 che è quanto a dire nove milioni di lire.

Siccome poi nei 9 milioni ora calcolati, si è compreso l'acquisto del materiale mobile, così la spesa effettiva di costruzione sarebbe solo di L. 7,838,000, vale a dire si sarebbero economizzate sul preventivo Tatti L. 1,162,000, destinate all'acquisto delle Locomotive e dei modelli di Vagoni e Carrozze, sembrandomi giusto che il materiale mobile si debba fare sul sito, dove gli abitanti sono industriosi ed ov’è abbondante il legname di ottima qualità.

Con questo mezzo la Società potrà colla stessa somma avere un materiale più numeroso, ed attivare in paese una nuova industria, i cui profitti andrebbero suddivisi ad accrescerne la prosperità.

È d’altronde sperabile che fatti gli studi definitivi, si possa ottenere un costo chilometrico anche inferiore a quello superiormente preventivato; e se si condurranno i lavori con coscienza, confidandoli subito a piccoli lotti, senza farli passare per tre o quattro mani, cioè senza tollerare subappalti e sotto subappalti, si potranno avere a prezzi convenienti e bene eseguiti. Nella Svezia, nella Norvegia e nella Scozia, si eseguirono Ferrovie complementari traversanti regioni montuose più delle nostre, ed a prezzi più miti di quelli preventivati; e perché non potremo anche noi approssimarsi a quanto fecero gli altri?

Riguardo all'acquisto del materiale mobile, mi venne da taluno espressa l’opinione che si potrebbe risparmiarne l'importo, cedendo l'esercizio della linea appena costrutta ad una Società esistente quale sarebbe quella dell'Alta Italia. Ma questa opinione in apparenza ragionevolissima, ha il suo svantaggio economico che non bisogna trascurare. Difatto noi sappiamo che la detta Società non ha mai assunto l’esercizio di una linea, se non al 50 per 0/0 del prodotto lordo chilometrico, il che vorrebbe dire secondo i calcoli esposti più avanti, che bisognerebbe pagare