Pagina:Cuoco - Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, Laterza, 1913.djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

frammento secondo 233

e le strade non si avevano: gli agenti del fisco e gli architetti assorbivano tutto. Si volle la strada di Sora. Parisi, cui questa operazione fu commessa, dopo averne fatto il disegno, invitò ciascuna popolazione a formarne quella parte che cadeva nel suo territorio. La strada si ebbe in un anno; e, ad onta delle malversazioni che pure vi furono, costò appena un terzo di quello che la costruzione delle altre strade costava.

Tu ben vedi che io mi sono immerso in una discussione di finanze; ma quale oggetto è estraneo ad una costituzione? Io non credo la costituzione consistere in una dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino. E chi non sa i suoi diritti? Ma gran parte degli uomini li cede per timore; grandissima li vende per interesse: la costituzione è il modo di far sí che l’uomo sia sempre in uno stato da non esser né indotto a venderli, né costretto a cederli, né spinto ad abusarne. Il maggior numero delle rivoluzioni che hanno finora scossa la terra, non esclusa neanche quella religiosa di Lutero, hanno avuto o causa o fomento da un disordine di finanze.

Io so le difficoltá che ai miei princípi si potrebbero opporre. La prima nasce dal timore, che taluno avrá, che le operazioni del governo siano troppo ritardate dalla soverchia autoritá che io do alle assemblee municipali. Vano timore! Non potendo i parlamenti municipali far legge generale, tu vedi che altro non potranno fare se non il bene; poiché ciò che è male è male da per tutto, ed o presto o tardi diviene oggetto della legge generale. Vano è anche il timore della lentezza nell’esecuzione della legge. Non vedevamo noi anche nell’abolito governo le popolazioni aver quella stessa autoritá che io vorrei dar loro nella nuova costituzione, ed intanto tutto esser nell’ordine? Non vediamo lo stesso ordine nell’Austria, nell’Ungheria e negli altri paesi di Europa, ove vi sono i stati per ripartire ed esigere quelle imposizioni che alle corti piace d’imporre? Questi stati hanno somministrata la prima idea delle amministrazioni francesi, che Pagano nostro ha senza modificazione imitate. Ma, il sistema municipale una volta cangiato, tu vedi bene che dee riformarsi anche l’amministrazione dipartimentale.