Pagina:Cuoco - Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, Laterza, 1913.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

frammento terzo 249

piú umano, e che per renderlo feroce basta renderlo incerto e sospettoso. Senza i necessari temperamenti, si è voluto riunire il soverchio potere colla breve durata e coll’elezione; si è fomentata l’ambizione ed il sospetto, ed invece della libertá si è ottenuta la guerra civile.

Si è creduto che il potere esecutivo diminuisca di forza in ragione che cresce il numero delle persone alle quali è affidato; e tutta l’opera dei nostri filosofi è stata quella di determinare il numero degl’individui dei quali debba comporsi un dato governo, per una data nazione, onde non sia né languido né troppo attivo. Il numero impedisce l’usurpazione, che è l’ultimo grado di attivitá; l’unitá impedisce la debolezza, che porta seco la dissoluzione e la morte politica della nazione. Ma i romani, immaginando un senato cui davano per ministro un consolo, aveano ordinato un potere che riuniva il numero e l’unitá, che avea tutta la maturitá nella discussione e tutta l’attivitá nell’esecuzione: l’interesse particolare del consolo animava la lentezza del senato, l’interesse del senato dirigeva l’attivitá del consolo, ed il popolo, tra ’l consolo ed il senato, godeva gli effetti dell’energia del governo senza temere per la sua sicurezza.

Quando si è ricercata la proporzione tra il numero delle persone e l’attivitá, non si è avvertito che il potere esecutivo ha due parti distintissime tra di loro. Dopo che si sará determinato ciò che si debba fare, prima di farlo convien discutere come far si debba. La prima operazione appartiene al potere legislativo; le altre due sono del potere esecutivo. Ma di esse i scrittori hanno obbliata la prima: o l’hanno confusa colle funzioni del potere legislativo, ed hanno distrutto il potere esecutivo; o l’hanno confusa colla stessa esecuzione, e lo hanno disorganizzato.

Difficile è il giudizio delle costituzioni, e spesso quel che noi crediamo un male produce un bene. Quando tu per soverchio amore di regolaritá togli ogni forza all’opinione, rendi tutte le elezioni uniformi, limiti allo stesso tempo la durata di ogni magistratura; allora priverai il popolo di ogni difesa: la costituzione non avrá piú base. Invece di dividere gl’interessi privati, li riunirai, perché tutti ne avranno un solo, quale è quello