Pagina:Cuoco - Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, Laterza, 1913.djvu/284

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
274 appendice


Si volle far vedere al popolo che le vie alle cariche erano ormai piane ed aperte, ma non se gli fece comprendere che l’unica era quella del merito e della virtú. Si vollero innalzare delle persone da nulla: si vide municipe di Napoli Pagliuchella e capo di brigata Michele il pazzo1.

Cosi Caligola fece console il suo cavallo. Si rese vile la carica; ed il popolo, invece di applaudire alla popolaritá del governo, rise della sua insulsaggine.

Il popolaccio si sarebbe piú interessato se mai a costoro si fusse assegnata una picciola pensione: ciascuno l’avrebbe piú desiderata, ciascuno avrebbe creduto poterla meritare e si sarebbe mosso a meritarla. I compensi soverchianti di molto i meriti ed i servizi ispirano la diffidenza, perché, essendo ingiusti, si credono effetti del favore e del solo spirito di partito. Ma questa profusione, che non produsse niuno effetto buono sul popolo, ne produsse un tristo ne’ patrioti e ruppe ogni freno all’ambizione. Se Michele era capo di brigata, ogni altro superiore a lui (e chi non lo era?) dovea arrossire di non essere almeno generale. Cosí la repubblica intera, la quale potea dar da vivere a tutti, appena sarebbe bastata per pochi.

p. 121, 2. 22: Vivenzio, sia che amasse la patria perché era democratico, sia che meritasse di esser democratico perché amava la patria, seppe valersi e dell’opinione pubblica e del favore di cui godeva presso il re per scuotere dalle radici l’albero antico, che, nato nelle selve della Germania, avea coi suoi rami ingombrata tutta la terra. In due altri anni di tempo, Vivenzio ne avrebbe lasciata appena la memoria.

p. 128, v. 18: si cita in nota il Montesquieu.

ivi, v. 36: riformate le ricchezze de’ preti, tolto quel celibato che oggi li separa dallo Stato, sostituendo ad una primazia monarchica un concilio nazionale, era la religione che meglio convenisse alla democrazia. Che altro furono i primi cristiani se non deisti, democratici? Essi furono perseguitati, non come fedeli ad una nuova religione, ma come contrari al governo antico.

  1. Uomini del popolaccio. Non intendo offenderli, quando dico che erano inetti alle cariche loro date e che non godevano veruna opinione.