Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

leggiere di là dall’Alfeo
segnavano l’ombre
1981visibili. Tanto era dolce
il lineamento dei gioghi
che parea, come il fiume,
continuamente fluire.
Giaceva sul dorico tempio
il gregge lanoso;
gli umili velli ed i marmi
1988augusti in tepore spirante
parean convivere. Tutto
era plenitudine e pace:
non morte, non ruina:
armonia di forme perfette,
concordia del Coro infinito.
Necessità, come l’urto
1995del piè nella danza tu eri!

Su l’erba colcato il pastore
poggiava il florido capo
al tronco d’un platano. E quivi
io vigile stetti al suo fianco
in silenzio. Ed èramo volti
ai monti d’Arcadia, all’indizio
2002del dì nascituro. E il fanciullo
mordeva mentastro odoroso,
scendendogli il fiore del sonno
su’ cigli virginei. Caddegli
il ramicello selvaggio
dalla bocca aulente che al fiato


- 87 -