Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

corbame e fasciame di ferro
testudinato di piastra
2492a martello più salda
che orbe di settemplice scudo.
Gran torri soperchiano il vallo.
La carena ha un cuore di fuoco
onde creasi la propulsante
virtù dell’ali marine
che tùrbinan sotto la poppa
2499tra ruota e timone sommerse.

Atto alla guerra e alla pace,
minaccioso d’armi tonanti
o dei doni onusto che all’uomo
fa la veneranda Demetra,
il colosso equoreo solca
pèlaghi ed ocèani, varca
2506gli eurìpi i bòsfori i sacri
istmi che l’uom frale recise
come tu dio con l’arpe
il collo d’Argo tutt’occhi.
Oltre le Caspie Porte,
oltre l’Atlante ove il coro
delle Esperidi per sempre
2513si tace, oltre la piaggia
del Cinnamomo trapassa.
Lascia l’iperbòreo lito
ove non più danza e canta
Apolline dall’equinozio
di primavera insino


- 105 -