Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

Argicida; e fui Emeràcle.
E con altri iddii mi confusi;
né sdegnai gli iddii bestiali,
dalla testa di cane, dal becco
di sparviere, dalle mascelle
di leone, estrani, onde fui
2898Ermanubi, Ermitra, Ermosiri.

Ma da due comunanze
m’ebbi più gran copia di forze
segrete e di gioie profonde
e di visioni sublimi,
Ombra d’aedo che ascolti.
M’accomunai con l’Amore,
2905col nume che fu nel principio,
che sarà nella fine.
Con Eros confusi il mio sangue,
col bellissimo fiore
cui era devota la schiera
sacra degli efebi tebani;
e fui pe’ mortali Ermeròte.
2912M’accomunai col Silenzio
io signor del discorso
ornato, dell’insidiosa
facondia. Ermarpòcrate fui,
col dito premuto sul labbro
eloquente; ma tenni
ai miei piedi il vigile gallo
2919che col grido annunzia l’aurora.


- 119 -