Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

nel segno e nel nome d’Apollo;
e guiderà la Cicala
sacra, dal golfo crisèo
insino alle acque di Delo,
gli Apolloniasti d’Italia.
3353Si nutrirà di glauca
salsedine, appesa alla prora,
in cella di giunco marino.„
E sul lido ricurvo
la Fòcide piena del nume
era vaporata d’olivi
come di tripodi mille,
3360dinanzi alla nostra allegrezza.



XI.
CON un alberetto volante
e sue sartiette arridate
a mano, il palischermo
attrezzammo a vela latina.
Ciascun de’ compagni a vicenda
governò la scotta o il timone.
3367Le baie le conche i recessi
del parnassio mare esplorammo,
or chini su l’acqua ove l’ombra
nostra era un miracolo verde,
or sottovento seduti
fuori banda sopra gli scalmi
coi piedi immersi nel sale,


- 135 -