Pagina:D'Annunzio - Laudi, II.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
SECONDO - ELETTRA

Vivremo come i vènti forti.
Saremo fedeli alla terra,
125fedeli alla terra dei figli,
fedeli alla terra futura.„

Disse: “Il mio lavoro
fu la guerra, la mia pace
fu la vittoria.
130La mia volontà fu sospesa
sul mio capo come una legge,
come una gloria,
come un nimbo d’oro.
In ogni impresa
135il mio pensiere
fu la mia sola face.
Sdegnai di bere
dove bevve il gregge,
sdegnai di rimirare il cielo
140oscurato dalla cava nube;
perch’io sapea che nella rupe
aerea tu eri, o sorgente
pura, o sorella dell’aria,
io sapea l’erta necessaria
145per rimirarti, o cielo
pudico e ardente,
libertà, serenità d’oro.


- 125 -