Pagina:D'Annunzio - Laudi, II.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
SECONDO - ELETTRA



CANTI DELLA RICORDANZA
E DELL’ASPETTAZIONE


IL sole declina fra i cieli e le tombe.
Ovunque l’inane caligine incombe.
Udremo su l’alba squillare le trombe?
4Ricòrdati e aspetta.

Vedremo all’aurora l’Eroe sollevarsi?
Ahi dietro la nube splendori scomparsi!
Rilucono selci per fiumi riarsi.
8Ricòrdati e aspetta.

Son nude le selci, son aride e nude
ma piene di fato: ciascuna in sé chiude
per l’urto favilla di grande virtude.
12Ricòrdati e aspetta.

È piena di fato la muta ruina.
All’ombra dei marmi la via cittadina
si tace pensando che l’ora è vicina.
16Ricòrdati e aspetta.

La polvere è un turbo di gèrmini folti.
Il rosso mattone qual sangue che sgorghi
fiammeggia novello per case e per torri.
20Ricòrdati e aspetta.


- 149 -