Pagina:D'Annunzio - Laudi, II.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO

15Canta, o Verità redimita
di quercia, canta oggi gli eroi
al genio d’Italia che ascolta!

Ma ascolta dall’ombra dei monti
Trento, l’indomata
20figlia cui la corda
non spegne la voce iterata
che chiama che chiama la madre
nell’orror notturno;
e grida: “Ricorda
25tu prima dell’altre
glorie la mia gloria
oggi che su l’ardue fronti
dell’Alpe volò la Vittoria
e che l’Adige taciturno
30n’ebbe rinnovata
promessa! Ricorda
Castel di Morone, Tre Ponti
con l’Aquila che dal Tifata
piombò sul Volturno„.

35Canta dunque, pria che si parta
la nova speranza da noi
e si spenga il sùbito ardore,
canta dunque il fior degli eroi,


- 20 -