Pagina:D'Annunzio - Laudi, II.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO


verso le marine sorelle,
anche udrà anche udrà nel Quarnaro
i canti d’Italia sul vento.
165Non piangere, anima di Trento,
la tua calpestata corona.
Ribeviti il tuo pianto amaro.
Dimentica il male, se puoi.
Non fare lamento. Perdona.
170Prepara in silenzio gli eroi.


PER I MARINAI D’ITALIA
MORTI IN CINA.

 
CHI ti vide col suo cuore
puro, o Italia liberata,
detersa dal sangue e dal pianto,
dalla polve e dal sudore,
5dopo l’alta gesta, alzata
nel mare nel sole nel canto?

Chi ti vide, dopo l’alta
gesta, vivere nel mare
col grande tuo corpo fecondo?
10Chi sentì nella tua calda
giovinezza palpitare
l’antica speranza del mondo?


- 26 -