Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO

gloria dei templi immuni,
forza delle colonne
alzata,
55sostanza delle forme
eterne!



IL GOMBO.

L’IMMENSITÀ del duolo,
del lutto immedicabile senza
fine, terrestre fatta
qual Niobe nell’umida rupe,
5quivi abitare sembra
nel lito deserto, nell’alpe
ardua, nella selva
che piange il suo pianto aromale.

Tutto è quivi alto e puro
10e funebre come le plaghe
ove duran nel Tempo
i grandi castighi che inflisse
il rigor degli iddii
agli uomini obliosi del sacro
15limite imposto all’ansia
del lor desiderio immortale.


- 96 -