Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE

vita dell’orbe mi fluì su gli òmeri
proni, con ineffabile
125melodia. L’Acheronte, il gran tartareo
pianto, anche sentii volvere
su me nel cieco suo pallore i petali
rapiti al prato asfòdelo.
Tutte l’acque rombarono crosciarono
130su me sommerso, tolsero
ogni terrestrità dal corpo immemore
della sua dura nascita.
E mi risollevai dio verso l’etere
santo; spirai grande alito
135che una nave d’eroi sospinse. Io auspice
apparvi agli Argonauti!
Di su la prora chino il cantor tracio
raccolse il vaticinio.
E presso lui, d’oro chiomato, florido
140della prima lanugine,
(sentendo l’immortalità, saltavagli
il cuore sotto il bàlteo
splendido) presso Orfeo figlio d’Apolline
era il fratello d’Elena.



145O Iddii profondi, richiamate l’esule,
la deità rendetegli!


- 111 -