Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE

la nostra donna ed ogni più segreta
grazia n’avemmo per virtù d’amore.

70Come il Sole entri nella Libra eguale,
ti condurrò su i monti della Pieve
di Camaiore, e alla Tambura, e ai fonti

del Frigido, e lungh’essa la Freddana
dietro Forci, e nell’Alpe di Soraggio,
75che tu veda fiorir la genziana.

glauco.
Bella è la Terra o Derbe, e molto a noi
cara. Ma quanti fiori fioriranno
che non vedremo, nelle salse valli!

Le Oceanine ornavan di ghirlande
80i lembi della tunica a Demetra
piangente per il colchico apparito.

Com’entri nello Scòrpio il Sole, o Derbe,
ti condurrò su i pascoli del Giovo
in mezzo ai greggi delle pingui nubi,

85perché tu veda il colchico fiorire.


- 185 -