Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE


VII.
L’ODO fuggir tra gli arcipressi foschi,
e l’ansia il cor mi punge.
230Ei mi chiama di lunge
solo negli alti boschi, e s’allontana.

Mutato è il suon delle sue dolci canne.
Trèmane il cor che l’ode,
balza se sotto il piè strida l’arbusto;
235pavido è fatto al rombo del suo sangue,
ed altro più non ode
il cor presàgo di remoto lutto.
Prego: “O fanciul venusto,
non esser sì veloce
240ch’io non ti giunga!„ È vana la mia voce.
Melodiosamente ei s’allontana.

Elci nereggian dopo gli arcipressi,
antiqui arbori cavi.
Pascono suso in ciel nuvole bianche.
245A quando a quando tra gli intrichi spessi
le nuvole soavi
son come prede tra selvagge branche.
E sempre odo le canne
gemere d’ombra in ombra
250roche quasi richiamo di colomba
che va di ramo in ramo e s’allontana.


- 15 -