Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO


“O fanciullo fuggevole, t’arresta!
Tu non sai com’io t’ami,
intimo fiore dell’anima mia.
255Una sol volta almen volgi la testa,
se te la inghirlandai,
bel figlio della mia melancolìa!
Con la tua melodia
fugge quel che divino
260era venuto in me, quasi improvviso
ritorno dell’infanzia più lontana.

Fa che l’ultima volta io t’incoroni,
pur di negro cipresso,
e teco io sia nella dolente sera!„
265Ei nell’onda volubile dei suoni
con un gentil suo gesto,
simile a un spirto della primavera,
volgesi; alla preghiera
sorride, e non l’esaude.
270L’ansia mia vana odo sol tra le pause,
mentre che d’ombra in ombra ei s’allontana.

Ad un fonte m’abbatto che s’accoglie
entro conca profonda
per aver pace, e un elce gli fa notte.
275“O figlio, sosta! Imiterai le foglie


- 16 -