Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE


Nuda le braccia come la Vittoria,
sul flessibile sandalo ti levi
35a giugnere il men folto ramoscello
per la ghirlanda.

Tenue serto a noi, di poca fronda,
è bastevole: tal che d’alcun peso
non gravi i bei pensieri mattutini
40e d’alcuna ombra.

O dolce Luce, gioventù dell’aria,
giustizia incorruttibile, divina
nudità delle cose, o Animatrice,
in noi discendi!

45Tocca l’anima nostra come tocchi
il casto ulivo in tutte le sue foglie;
e non sia parte in lei che tu non veda,
Onniveggente!



D'Annunzio - Laudi, III (page 35 crop).jpg