Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO



MA il cielo dilatasi
muto e solenne nel tripudio;
380lungi si tace il Mare Infero
ove il figlio di Venere
dall’alta prora iliaca
gridò: “Italia! Italia!„
E l’ombra del re d’Itaca,
385l’ombra dell’antico nauta
esperto degli uomini e dei pelaghi,
guata dalla magica
rupe se il Fato ferreo
lui anco chiami a vincere
390un più grande pericolo.
O Forza, o Abondanza, o Vittoria,
voi all’opera terrestre auspici
siete e testimonii!
Tutto di voi s’illumina
395il grande Lazio. In purpureo
lume il giorno cangiasi.
Il vento chiude i suoi turbini.
L’aere per la terra pènetra.
Par nelle cose nascere
400una vita indicibile,
però che i prischi numi italici,
subitamente reduci
dall’Ombra delle Origini,


- 52 -