Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE

nella gleba rivivano,
405nell’acqua nell’erba nella silice,
e laggiù, entro la reggia
del re Latino figlio
di Marica e di Fauno,
rinverdiscasi il Lauro
410che fu sacro ad Apolline
Febo pria che il vedovo
di Creusa da Ilio
venisse per congiugnersi
con Lavinia vergine fertile.
415O prodigio! O metamorfosi!
Su la grande area,
quadrata come la saturnia
Urbe nel nascere,
la calpesta mèsse al par d’occidua
420nuvola s’imporpora.
Scalpita, scalpita!
E i cavalli son rosei
splendenti, come se nell’intimo
sangue una sùbita
425aurora accendasi
e per i fumidi
fianchi trasparir veggasi.
S’ergono e di roseo
fuoco il petto e il ventre splendono,


- 53 -