Pagina:D'Annunzio - Laudi, IV.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO


Poi, come il tessitor lancia la spola
o come il frombolier lancia la fromba
(gli attoniti la grande ala sorvola)

di su l’ala tu scagli la tua bomba
alla sùbita strage; e par che t’arda
il cuor vivo nel filo della romba.

Non guarda il cielo Pietro Ari. Guarda
tra sacco e sacco. Pelle non scarseggia.
Sceglie, tira, non falla. È testa sarda.

Non si volta, non grida né motteggia.
Mira e tira. Una palla squarcia un sacco.
Una rimbalza su la canna e scheggia

la cassa. Un’altra viene a tiro stracco
e un po’ lo pesta. Un’altra vien di schiàncio
e lo strina. Egli morde il suo tabacco.


-82-