Pagina:D'Annunzio - Laudi, IV.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO


Quante gandùre, quanti baracani
colcò, sotto la grandine che scroscia!
Ancor uno! Ancor uno! Oggi e domani

e mai sempre. Una palla nella coscia
gli spezza il taglio della baionetta
cinta al fianco, e nell’osso della coscia

il mozzicon del ferro gli s’imbietta
forte così che sola una tanaglia
o la mano del Sardo in una stretta

cruda lo possa svellere. Ei travaglia
seduto su lo zàino. Alfin lo svelle.
S’alza nel sangue, e torna alla battaglia.

Non torna al focolare? Le sorelle
cuciono in sogno il suo gabban d’orbace.
Or tinto è il panno, e l’opre son più belle.


-84-