Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 123


La mia testa s’abbatte, si sporge, penzola. Le mie ossa si ghiacciano.

La cupa striscia perpendicolare di sangue sembra che si parta dal mio occhio affascinato.