Pagina:D'Ayala - Dizionario militare francese italiano.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
  — —  

ARM —

ondo son composti i giachi, le colto , lo camice, le maniche.

Manche s. f. Manica. Quella parte dell' ar- madura di maglia, la quale valeva a difen- dere lo braccia.

Mentonière b. f. lìarhnzza. Parto della celata che proteggeva lo gote, ed il mento.

Mentelet s. m. V. Lahbreqdins.

Morion s. m. Mariane. Una celata aperta ma con cresta altissima , accomodata in ispezialtù a’ fantaccini. Qui s'inganna il 1)’Aquino alla parola brunici.

Nasal s. m. Musale. Parte dell’elmo , che fissamente o muovendosi copriva il naso del cavaliere.

Panacue s. m. Pennacchio. Fregio al cimie- ro ed al capitello.

Panie* s. in. Tavolaccio. Scudo di legno co- perto di cuoio ; ce n’ erano di cosi grandi che non pure coprivano tutto l’uomo , ma que' balestrieri o arcieri che stavan dietro.

Panopi.ie s. f. Panoplia. Armadura antica compiuta.

Pavois s. m. Parete, palette. Grande scudo di legno come un quarto di ellissoide. L’eti- mologia secondo Muratori deriva da'popoli di Pavia.

Peete s. f. Pelta. Piccolo scudo di cuoio o d'altra materia leggiera, falcato al l’insù e senza punta in mezzo, adoperato da' fanti greci non gravi nè leggieri. Era come la cetra de’ Romani.

Plastron s. m. Piastrone . piastrino , petto- rale , lamiera. Piastra di ferro che difen- deva il petto, usata in ispezialtù dagli scu- dieri.

Pòt de fer s. m. Celalino, celatina. Piccola celata di ferro o di acciaio senza visiera ne’ gorzarino.

Pót-en-téte. Zucchetto. Difesa del capo dei zappatori nelle fortezze o negli assedi.

Rondache s. f. Rotella, romlaccio, rondacela. Scudo rotondo de'soldati leggieri del secolo XVII : una specie del clypeum dc'Romani.

Rondelle s. f. V. Rondache.

Saie s. f. Saio , taione , saiorna. Veste mi- litare di molti antichi popoli, massime dei Romani più lunga della tonica , aperta avanti. Che anzi fu il saio indizio di guer- ra , siccome di pare la toga.

SaLade s. f. Celala. Elmo senza cimiero e senza cresta, di che usarono gli uomini d'arme sino alla fine del secolo XVIII.

Sarisse s. f. Sarista. Asta di quattordici cu- biti, delle fanterie macedoniche.

Secrète s. f. Segreta. Una mezza cuffia di acciaio, ed anche una maglia (inissima di colai metallo o di ottone.

SoiiLERET s. m. Soleretta. Era un membro dell’antica armadura . il quale, dice I’En-

.5 — ARM

cici.ofkdia, è rimaso ignorato; ma panni fosso quello clic stava al suolo del (alza- mento per difesa delle piante.

Surcot s. m. Sorcotto, soprasberga, soprain- segna. Specie di sopravveste che i cavalieri e gli uomini d'armi' portavan sopra farmi.

Tallevas s. m. V. Panier. Alcuno volte si è confuso questo col vocabolo Pavesade , il quale esprimeva un riparo dietro cui gli arcieri tiravano negli assedi.

Targe s. f. Targa, targane. Piccolo scudo di legno o di cuoio a forma di cuore, siccome la testudo de’Latini.

Tassettes s. f. Lastrette. Se ne ponevano più filari le ime sulle altre per coprire il busto c lo cosce.

Tiare s. f. Tiara. Fu una celata de'Romani.

Ventai!, s. m. Ventaglia. Quella parte della visiera più vicina al mento, la quale abbas- sandosi in luogo di alzarsi dava passaggio all'aria.

Visière s. f. Borierà , risiera. Parte dell'el- mo che cuopriva la faccia o s’alzava c ca- lava a propria voglia.

Volkts s. m. V. Lamrreqltns. Il Gaignc nel suo Dizionario Militare li chiama Va- lets.

ARMES DE GUERRE. Armi di guerra. Quel- le di cui son oggi armate lo soldatesche.

D’hast. Armi da asta ovvero in asta;

cioè lancia, picca , ctiiaverina, partigiana, alabarda, corsesca, spuntone ed altrettali.

De honneur. Armi d'onore. Davansi in

Francia innanzi alla creazione della Icgion d’onore, ed anche nella nostra Marineria vi fu una spada donare.

De jbt. Armi da trarre o da tiro. Tali

sono lanciotti pili giavellotti dardi frecce saette ed altri de’tempi andati,siccome le armi da tiro de’ nostri di, cioè cannoni mortai obici fucili pistole.

De main. Amu' da mano. Le prime ar- mi da trarre senza aver duopo di magisteri meccanici, lo quali abbracciavano le armi di scherma ( abmes d' escrime ) C quello testé dette da trarre.

De lune. Armi di lusso.

De trait. Anni lanciatoie o missili.

Forman parte dello armi da trarre.

Katabalistiqi'ES. Armi catabalistiehe.

Quelle che meglio si chiamerebbero mac- chine, e servivano ad atterrare lo muraglie.

Necrobalistiqles. Armi neurobalisti-

che. La prima s|>ecie delle armi meccani- che, cioè l'arco la fionda ed altrettali.

ARMES OFFEN'SIVES. Armi offbhsiyb o di offesa. Fra le quali abbiamo a nove- rare

Angon s. m. Angone. Specie di giavellotto de’ Franchi.

Digitized by CjOO^Ic