Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240 ettore fieramosca

to scelto quell’ultimo momento per far tanto disordine. In ogni modo stabilì di chiarirsi, e fatto prender due lumi, cintasi la spada, s’avviò innanzi per un andito che riusciva su una scaletta a chiocciola, per la quale scesero aprendo due porticelle di ferro che ne chiudevan l’entrata. Rimaneva ad aprir un altr’uscio: si fermò Consalvo, e disse a voce bassa ai suoi che ivi l’aspettassero senza far romore, nè venissero se non chiamati. Poscia aperto, scese nelle camere del duca che trovò deserte, senza lume, e in grande scompiglio; qua una sedia, là una tavola rovesciata, presso al letto la lucerna caduta, e l’olio sparso sul pavimento; le stanze vicine vuote. Chiamò allora i suoi, e stato un momento pensando, disse:

— Per serbar fede ad un ribaldo non vorrei correr rischio d’oltraggiar chi è innocente. Sappiate dunque che il duca è stato per molti giorni in questa stanza. Domattina o stanotte voleva partirsi; di più non posso dirvi, poichè non so altro. Tutti siam persuasi che è capace d’ogni ribalderia; anche di questa potrebbe esser esso l’autore. Fate dunque ciò che vi par meglio, inseguitelo, se volete, ve ne do piena licenza; e voi, D. Diego prestate loro tutto quell’ajuto che si potrà.

Ad Inigo venne tosto l’idea d’affacciarsi per vedere se si scorgesse ancora in mare qualche legno che potesse esser quello; ma a traverso i vetri non riuscendo a scorger nulla, per non perder tempo a sferrar que’ gran finestroni, corse alla porticella che metteva su quel poco di lido sopraddetto e ch’egli conosceva avendo in pratica tutta la rôcca, ed uscito vide la barchetta e nel fondo stesa una giovane che non conosceva, ma tosto pensò potesse esser Ginevra.

Chiamati a furia i compagni, rimasero tutti senza saper che pensare, vista costei così abbandonata ed in un tal luogo. Con quanta cura poterono, la portarono sul letto del duca, che trovato tutto sottosopra fu da loro