Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xvii. 259

ti, dovette arrendersi e ritirarsi dal campo. La cosa era però andata tanto coll’onor suo, che da tutti fu lodato, e compianta la sua disgrazia. Dopo quest’accidente seguitandosi a combattere parve che la fortuna andasse inclinando alla parte spagnuola. A molti Francesi erano stati uccisi i cavalli; e qui è bene d’avvertire il lettore che, malgrado le antiche regole cavalleresche, si soleva spesso in queste disfide esser prima d’accordo di poterli ferire, onde fossero più vera immagine della guerra, ove non più o rarissimo s’usava questa cortesia, e per mostrare anche maggiormente la perizia de’ combattenti. Dopo due ore di menar le mani, i padrini fecero dar nelle trombe, e così divisa la zuffa accordarono un breve respiro.

Gli Spagnuoli erano tutti a cavallo, ed alla loro truppa non mancava che Segredo. De’ Francesi un solo s’era dovuto dar prigione ed in ciò eran pari, ma giacevan sul campo sette de’ lor cavalli uccisi. Bajardo però era ancora in sella. Dopo una mezz’ora di riposo fu ripreso il combattimento, e, malgrado gli sforzi degli Spagnuoli, i loro nemici si mantenevano quasi direi trincerati dietro i corpi de’ cavalli sui quali que’ degli avversari, benchè ammazzati di speronate, non vollero mai passare. Così dopo molto affannarsi e maneggiarsi inutilmente, venne dai Francesi la proposta di finir la battaglia e restarne con pari onore.