Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo ii. 37

da tavola di comune consenso; ed uscita dall’osteria, s’andò sciogliendo a mano a mano, riducendosi ciascuno al proprio alloggiamento. I baroni francesi furono onorevolmente trattati, ed ebbero stanza dagli uomini d’arme che gli avean fatti prigioni. Crediamo di poter asserire, che malgrado le bravate colle quali aveano mostrato tener gli Italiani in sì poco conto, un intimo senso, ed in molti l’esperienza gli avvertiva, che a voler uscir ad onore da quest’impegno, bisognavano però più fatti che parole. Inigo anch’egli benchè fosse più che certo del valore de’ suoi amici, e che per la gloria delle armi italiane sarebbero venuti a paragone con tutto il mondo, riflettendo che gli avversarii erano pur gente da guerra di grandissimo conto, e le migliori spade dell’esercito francese, non poteva non istare in pensiero del fine che avrebbe avuta quest’importante faccenda. Infatti La Motta ed i suoi compagni erano uomini da star a fronte di chicchessia. Le loro prodezze nell’armi erano conosciute da tutte le soldatesche d’allora; e nelle squadre francesi v’erano moltissimi altri non inferiori nè in coraggio nè in perizia, ed il famoso Bajardo per dirne uno, bastava solo ad aggiungere gran peso nella bilancia.

A malgrado di queste riflessioni, l’altero Spagnuolo non si pentì un momento d’averla presa per gli Italiani, e pensò che avrebbe troppo mancato sopportando che l’insolente prigione dicesse tanti vituperii di coloro che non li meritando erano poi suoi amici ed assenti: e come, disse fra sè, potrebbe esser vinto chi combatte per l’onor della patria? Così rinfrancato l’animo, si dispose la mattina seguente a conferire di ciò con Fieramosca, ed usare ogni cura onde la cosa riuscisse ad onore della parte che avea tolto a proteggere; e pieno di questi onorati pensieri, stette, senza molto dormire, aspettando l’ora di metter mano all’impresa.