Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo iv. 57

qualità che bisognava pur risolversi a qualche partito. Tu già indovini a quale m’appigliai; un giorno sulle ventitrè ore la trovai sola in un suo giardino, e come volle la mia sorte, le dissi il gran bene ch’io le volevo, ed ella arrossendo, senza risponder parola si scostò lasciandomi afflitto e peggio contento che mai; e da quell’ora in poi parea cercasse tenermi discosto e quasi mai, quando v’erano altre persone, volgeva a me le parole: ond’io per disperato, nè potendo sopportare quell’inestimabile amore, risolsi in tutto andarmi con Dio, e cercar la morte ove allora già si combatteva. E passando appunto la compagnia del duca di San Nicandro, che andava alla volta di Roma, a raggiungere il duca di Calabria, mi misi in ordine per andarmene con essoloro. E senza dirle il mio proposito, un giorno volli ritentar la prova, ed ella stette salda; onde mi dovetti persuadere che quell’amore ch’io credevo scorgere in lei, era stato un sogno della mia immaginazione; e risoluto affatto (era la sera, ed alloggiava quella notte in Capua la compagnia del duca per partir la mattina) misi in ordine ogni cosa per esser a cavallo l’indomani. Me n’andai, come il solito, a veglia in casa del padre di Ginevra: eravamo soli noi tre intorno un tavoliere, e si giocava a tavola reale; quando mi venne in acconcio, dissi a lui, come avevo fisso di partire la mattina vegnente, che, essendomi venuto a noja quell’ozio, volevo andar a combattere, perciò fosse contento darmi licenza. Il conte lodò il mio proposito, ed io colla coda dell’occhio pur guardavo, non privo affatto di speranza, che viso facesse Ginevra. Pensa quale diventai vistole mutar il color del volto, e farlesi rosse le palpebre! Di furto mi saettò un’occhiata che troppo mi diceva. Stetti infra due di non farne altro; ma conobbi che oramai non potevo ritrarmi coll’onor mio; e mi fu forza, quando mi trovavo il più contento