Pagina:Dalle dita al calcolatore.djvu/196

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
174 X. FUORI DALLA CORRENTE

la stadera a chili, a etti, senza problemi. Ma con la pista (pesta, carne macinata) non si vogliono correre rischi. Infatti, ogni volta che si vuol convertire l’oncia in grammi, uno dice 30, un altro 33; trovato l’accordo, diventa problematico fare la moltiplicazione con il lapis, perché tutti hanno le mani unte. Il tempo è passato, i vecchi strumenti di peso non ci sono più e i nuovi “macellatori” ignorano l’antico sistema metrico. Questo vuol essere un semplice esempio sui motivi della persistenza di metodi obsoleti di misurazione.

Anche i vecchi sistemi di calcolo sopravvivono, sebbene inseriti in contesti più complessi. Ciò avviene perché in ambiti ristretti risultano ancora efficaci. Prendiamo dei bambini alle prime armi con le addizioni scolastiche. Se noi chiediamo la somma di 8 e 7, li vediamo armeggiare con le dita e poi trovarsi in difficoltà, perché con le dita delle due mani possono arrivare solo a 10, e le dita dei piedi risultano inaccessibili, essendo racchiuse nelle scarpe. A questi bambini possiamo insegnare una scorciatoia. Chiamando in causa la vecchia base 5, possiamo mostrare la scomposizione dei due numeri in 5 + 3 e 5 + 2, quindi far sommare i due 5 e gli altri numeri minori.

L’uso delle cordicelle annodate per conservare memoria di qualcosa non è limitato al mondo incaico. Se ne è fatto ampio uso anche nel vecchio mondo fino a tempi recenti. Al tempo di Dario, i Greci delle coste “turche” fanno parte dell’impero persiano e pertanto i loro soldati partecipano alle campagne di guerra. Si racconta che Dario abbia affidato la difesa di un ponte a un contingente greco, con l’ordine di tenerlo due mesi; per maggior sicurezza, egli lascia una cinghia sulla quale sono stati fatti 60 nodi: se ne deve disfarne uno al giorno. Dopo aver disfatto l’ultimo nodo, gli uomini potranno tornarsene a casa.

Gli Ebrei osservanti, durante le preghiere, indossano un corto mantello, dal quale pendono delle cordicelle annodate. I nodi corrispondono ai numeri 26 o 39, se-