Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

uno sguardo all'esposizione. 97


vani son tutti occupati dai visitatori spossati. Si vedono delle famiglie intere di buoni provinciali, sfiniti, sbalorditi, istupiditi; i papà tutti in acqua, le mamme che soffocano, le ragazze ingobbite, i piccini morti di sonno; proprio da farsi doman­dare: — Ma chi v’ha consigliato di venire all’Esposizione, disgraziati? — L’affollamento mag­giore è sotto le grandi arcate delle Belle arti, e intorno al Padiglione della città di Parigi, che drizza i suoi sei frontoni imbandierati nel mezzo del Campo di Marte. Qui è il luogo di conve­gno dello «stato maggiore» dell’Esposizione. Qui fanno crocchio gli artisti e i commissarii di tutti i paesi, gli operai si radunano e si sciolgono, i critici tagliano l’aria coi gesti cattedratici, i giornalisti notano, i disegnatori schizzano, le discussioni fervono, i curiosi cercano i visi illu­stri, i nuovi arrivati si ritrovano, le «celebrità» dell’Esposizione passano fra le scappellate e gli inchini. Ecco qui monsieur Hardy, per esempio, l’architetto del Palazzo del Campo di Marte; ecco

Ricordi di Parigi. 7