Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96 ricordi di parigi.


coniugali dormono saporitamente sui sedili in mezzo alla folla; e altre coppie, che hanno por­tato i loro amori all’Esposizione, si servono di due capannine avvicinate per farsi qualche carezza di contrabbando. È un divertimento poi, nelle sale, studiare i varii tipi dei visitarori. Ci sono i ca­valli matti che scorazzano da tutte le parti senza vedere una maledetta, presi da una specie d’esaltazione febbrile, e i visitatori pazienti, che si son fatti un programma, che muovono un passo ogni quarto d’ora, che meditano sui cataloghi, che guardano, fiutano e discutono ogni menoma cosa, che impiegheranno probabilmente sei mesi a fare il giro di tutto il Campo di Marte. Tra gli espositori, si vedono i visi radianti dei for­tunati, che hanno trovato là gloria e fortuna, e troneggiano sui loro banchi in mezzo alla folla dei curiosi e dei compratori; e i poveri diavoli trascurati, seduti nei loro cantucci solitarii, colla testa bassa e la faccia malinconica, che meditano sulle speranze perdute. Nelle ultime sale, i di-