Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

uno sguardo all'esposizione. 95


sognati, come fantasime. Lo spettacolo è ancora variato e rallegrato da un gran numero di si­gnore che girano su poltrone a ruote o su carrozzine da bimbi, tirate davanti da un servitore, spinte per la spalliera dai mariti, fiancheggiate dai ragazzi; matrone poderose, le cui rotondità sporgono da tutte le parti fuori del piccolo vei­colo, lunghissime zitelle inglesi che ci stanno tutte raggruppate, colle ginocchia aguzze all’altezza del mento; signoroni decrepiti che godono là, pro­babilmente, l’ultimo piacere della vita; vecchie patrizie paralitiche, e putti meravigliosamente biondi e rosati dei paesi nordici, che formano tutti insieme, in quel labirinto di vie fiancheggiate da case di vetro, una specie di corso in burletta, degno della matita del Cham. Nella Via delle nazioni, all’ombra delle capannette di paglia, molta gente fa colezione sulle ginocchia come per viaggio, e i bimbi vanno a prender acqua alle fontane del Giappone e dell’Italia; altri sgranoc­chiano pane e prosciutto camminando; delle coppie