Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/297

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
294 ricordi di parigi.


scientifica, il libro nuovo, il nuovo quadro, il nuovo scandalo, le grida di stupore e le alte risate di Parigi, si succedono così rapida­mente che non c’è neppur il tempo di voltarsi a dare uno sguardo a ogni cosa; e siamo costretti a difendere faticosamente la nostra li­bertà di spirito, se vogliamo attendere a un qual­siasi lavoro. Tutto precipita e la menoma sosta produce una piena. Stiamo quarant’otto ore in casa; è come starci un mese in una città italiana. Uscendo, troviamo cento nuove cose nei luoghi soliti dove davamo una capatina, e cento nei discorsi del nostro crocchio d’amici; e torniamo a casa con una retata di noti­zie e d’idee, ciascuna già bollata d’un giudizio arguto, e come battuta in moneta spicciola, da potersi spendere immediatamente. In capo a pochi giorni ci troviamo nelle condizioni d’ogni buon «borghese» parigino: scambiamo cioè per dot­trina e per spirito nostro tutta la dottrina e tutto lo spirito che ci corre intorno, tanto sen-