Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
62 ricordi di parigi.


che parlano, i bustini che fanno scattare le braccia, le stoffe pittoresche della Catalogna e dell’Andalusia, e i vasi moreschi, e i ricami di seta dei chiostri antichi, e gli svelti fantaccini di Espartero e di Prim, che drizzano i loro graziosi cappelletti alla Ros in mezzo ai cannoni che fulmineranno il terzo esercito di don Carlos. Ma è una visione fuggitiva. Passano i Pirenei, passano le Alpi; uno scintillìo diffuso di cristallami, che mandano riflessi di tutti i metalli e di tutte le perle, fra cui brilla da ogni parte il widerkomme verde, stemmato e coronato, annunzia la Boemia. Si va innanzi fra la mostra splendida dell’orologeria viennese e i ricchi mobili improntati del gusto del cinquecento e del gusto nuovissimo, sposati graziosamente; a traverso a un museo di pipe splendide, in mezzo a mucchi di saponi del Danubio, dell’apparenza di formaggi e di frutti, fra i tessuti di vetro e i prodotti delle miniere d’Ungheria, che mostra la novità preziosa del suo opale nero; e poi.... dove si riesce? Siamo