Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la poesia di un filosofo 75


III.

Eppure Sully Prudhomme non è fermo in questa conclusione. Se egli credesse di avere così composto il dissidio fra la ragione e la fede, non lo riprenderebbe nella Giustizia.

Quando l’anima era semplice, dice egli nella Giustizia, si slanciava verso il cielo e vi spaziava, sostenuta dall’estasi e dalla speranza; oggi la scienza ha spogliato la natura di tutte le illusioni che la facevano bella; il poeta non vede più in essa un’anima divinamente umana; e come l’orfano si rivolge alla giustizia quando non spera più nulla dalla bontà, così egli, disperando della fede, vuole interrogare la Sfinge per conoscere se almeno una legge d’equità governi l’universo.

Car le poète, lui! cherche dans la science
Moins l’orgueil de savoir qu’un baume à sa douleur...
En vain de ce qui souffre il connait la structure,
Il ne croit rien savoir tant qu’un doute odieux
Plane sur le secret des maux que l’être endure,
Tant que rien de mieux n’a remplacé les dieux.

Allora comincia dentro di lui una lotta fra la mente e il cuore, durante la quale questo combatte coraggiosamente lo scetticismo, l’ironia, lo sconforto che il freddo ragionamento genera nell’animo del cercatore. Le specie sono in continua