Pagina:De le lettere.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

terà mirabilmente ad aʃʃeguire la pronuntia Toʃcana, ε la Cortigiana; le quali ʃεnza dubbio ʃono le piu bεlle d'Italia. Dopo queʃte viεn il z, il quale ha parimente due pronuntie divεrʃe; l'una de le quali tiεne alquanto del c, l'altra del g; com'ὲ a dir Zωccolo, Zωppo, Zecca, avezo; qui il z ha piu del c Lombardo, chε in Ӡona, Ӡoroaʃtro, Ӡephiro, meço, ε ʃimili; ove ha piu del g. tal che a Bolωgna così nel vulgare, come nel latino quando il g ʃi truωva avanti e, ωvero i, ʃi pronuntia per queʃto ʃecondo ç; com'ὲ virgines ʃi pronuntia virçines, ε generoʃo çeneroʃo, ε ʃimili. ε perὼ, quando la pronuntia del z ʃarà ʃimile al c, la ʃcriveremo per lo z conʃueto; com'ὲ Zωccolo, belleza, spεzo, ε ʃimili. pωi, quando ʃarà ʃimile al g, ʃi ʃcriverà per queʃto altro charactέre ç; come ὲ Ӡephiro, meço, reço, ε ʃimili. Nε mi ὲ naʃcoʃo, che ritrovandoʃi parimente queʃta pronuntia divεrʃa, ε con divεrʃi charactέri ʃcritta ne la lingua Spagnuωla, che eʃʃi uʃano i charactέri a l'oppωʃito di quel, che facc'io; ciωὲ uʃano il z commune, quando la pronuntia ὲ ʃimile al g, ε quando ὲ ʃimile al c uʃano l'altro; ma noi