Pagina:Dei cristalli quarzosi di Selvino.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(21)

specie di poggio, è dominalo dalle eccelse punte di tre montagne, che all’intorno gli stanno a guisa di triangolo, lasciandogli tre spaziose aperture, al sud l’una, al sudovest l’altra, al nord l’ultima; donde si ha il maestoso prospetto di una parte della Val-Brembana, tutta rinserrata fra verdeggianti montagne, corredate da scoscese nude altissime roccie di pietra calcare.

È sopra ogni dire ridente la situazione di Selvino, segnatamente in certi punti. Ma principalmente da all’occhio la stranezza della configurazione del suolo per certi avvallamenti, i quali veggonsi quà e là, di grandezza raramente eguale, ma sempre molto considerabile, siccome grande è il loro numero, che mi fu detto superare li quaranta.

Tali cavità sono tutte o coniche o semiconiche, profonde col declivio laterale dolce, e rivestito di verdeggianti prati. Hanno quasi tutte nel centro una specie di voragine, o pozzo naturale riempiuto di calcari rottami, fra i quali vanno a perdersi rapi-